Pagine    Articoli    Prodotti    Forum    Cerca  
Nickname

Password


Non sei registrato?
Registrati a GPI qui!

Puoi anche attivare un vecchio utente GPI e chiedere una nuova password.
I Team

Mappa Team
I nostri utenti

Mappa Utenti
  Road to Game Connection Europe - part one
Pubblicato da Pasquale Sada il 2013-12-14 12:30:04

Il consueto appuntamento annuale con la Game Connection è da poco passato. L'evento tenutosi a Parigi dal 3 al 5 Dicembre è uno degli appuntamenti più importanti per gli sviluppatori che vogliono crearsi una rete di contatti e mostrare i propri prodotti.

 

Quest'anno c'è stata una novità: AESVI ha voluto dare un seguito all'iniziativa dello scorso marzo che ha visto alcuni team italiani volare a San Francisco e partecipare alla Game Connection. Grazie alla collaborazione di ICE, l’Istituto per il Commercio Estero, 10 team hanno preso parte alla prestigiosa kermesse parigina. Per 5 promettenti startup è stata una assoluta prima volta che noi di GPI abbiamo voluto sottolineare con una serie di interviste doppie nelle quali un team "veterano" farà da spalla ai "novizi". Di seguito l'elenco delle società partecipanti e la prima parte delle intervise.

 

 

 

 

 

 

 

Double Jungle

  

1. Presentati e presenta il tuo team

Double Jungle è uno sviluppatore e publisher italiano indipendente di videogiochi nato nel 2009. Opera nel settore dello sviluppo e del publishing di videogiochi ed applicazioni mutlimediali ed interattive (per personal computer, console, device mobili, web, ecc.), creando direttamente o indirettamente (attraverso i team con cui collabora).

 

2. Parlaci del titolo che state sviluppando

Al momento non possiamo divulgare nulla in merito ai progetti che stiamo sviluppando. Abbiamo in previsione di rilasciare le prime notizie a fine dicembre/inizio gennaio 2014.

 

3. Raccontaci come ti sei preparato per GGEU 2013

La preparazione è avvenuta su "diversi fronti" in parallelo ed in particolare, mentre il team di sviluppo lavorava ai prototipi, il team "marketing/commerciale" ha preparato le varie presentazioni ed analizzato tutte le aziende partecipanti, selezionando quelle per noi interessanti e quindi, successivamente fissando gli appuntamenti (in alcuni casi si era provveduto a mandare anche materiale a mezzo email in modo da anticipare ai possibili partner l'oggetto dell'incontro).


4. Cosa ti aspetti da questa esperienza?

Ci aspettavamo di poter raccogliere feedback e commenti sui mercati a noi "nuovi", confrontandoci con attori consolidati del settore e (possibilmente) trovare nuovi partner. Entrambe le aspettative sono state soddisfatte.


5. Progetti futuri?

Al momento abbiamo diversi progetti in cantiere, ma, come scrivevo sopra, dettagli maggiori saranno rivelati nei prossimi mesi.

 

 

 

 

1.   Presentati e presenta il tuo team

 Forge Reply è la società dl gruppo Reply che si occupa dello sviluppo di videogiochi. Abbiamo due team interni, uno focalizzato sullo sviluppo di Lone Wolf, l’altro impegnato su progetti di vario tipo legati al gaming.

 

2.  Parlaci del tuo titolo di punta

È sicuramente Lone Wolf, il videogioco basato sulla licenza di Lupo Solitario. Si tratta di un titolo per piattaforme mobile, per iOS e Android, che unisce la tradizione dei libri game e dei giochi di ruolo in un formato digitale tutt nuovo, con un interessante sistema di combattimento 3D.

 

3. Raccontaci brevemente la tua esperienza alla Game Connetion America 2013

Alla  Game Connection America abbiamo posto e basi per quello che sarebbe diventato l’accordo di pubblicazione con il nostro publisher Bulkypix.

 

4. Cosa ti aspetti da questa nuova esperienza a Game Connection Europe 2013? Cambiamenti in meglio, novità, risultati?

Di stringere novi contatti ed incontrare nuovamente persone ed aziende del settore conosciute in passato, con le quali poter eventualmente collaborare in futuro.

 

5. Che cosa consiglieresti a un team che si appresta a partecipare per la prima volta?

Preparare in anticipo una versione giocabile del proprio prodotto. Si può anche mostrare pochi contenuti, che però devono essere rifiniti e capaci di colpire e impressionare chi li vede per la prima volta. L'importante è riuscire a dialogare con più realtà possibili, anche se poi bisogna saper mostrare il gioco giusto all'interlocutore giusto.

 

 

 

 

   

1. Presentati e presenta il tuo team

Salvatore Fallica, Producer di E-Ludo Interactive, ma chiamatemi pure ‘Salvo’.

E-Ludo Interactive è una giovane software house dedicata allo sviluppo di prodotti digitali di intrattenimento. Abbiamo lavorato per oltre un anno a progetti su commissione, adesso abbiamo accumulato esperienza e risorse sufficienti per dedicarci a prodotti indipendenti, principalmente videogiochi. L'azienda è stata fondata nel 2010 da Salvatore Mica ed è cresciuta negli ultimi anni grazie a cuore passione e competenze di alcuni giovani siciliani che hanno capito la missione costruttiva di E-Ludo e hanno voluto prenderne parte attivamente per costruirla tutti insieme, in una terra che ancora crede poco ai giovani e all'innovazione. Attualmente abbiamo 3 piccoli team all'attivo: il primo lavora su progetti indipendenti con tecnologia Unity3D; il secondo su Flash/ActionScript3; il terzo su progetti web e consulenza manageriale e strategica a giovani e start-up, grazie a un'importante partnership con #WCAP Catania, l'acceleratore di Start-up di Telecom Italia.

Seguiamo da tempo AESVI e le iniziative che propone per Publisher e Sviluppatori in Italia: siamo onorati di aver partecipato alla missione italiana a Game Connection Europe.

 

2. Parlaci del titolo che state sviluppando

A Parigi ci siamo presentati al mondo con 3 titoli, tutti per mobile multipiattaforma:

'Space Splatter', un mid-core action game sviluppato in Unity3D che ha fatto tanto successo per humor e una meccanica di gioco inaspettata.

'Mash & Co.', un prodotto multimediale stratificato per bambini 3+ che racchiude in un'unica app cartone animato, fiaba digitale e minigiochi.

Infine un gioco musicale (titolo provvisorio), che è stato per noi una grande sorpresa in termini di feedback e ulteriori possibilità di sviluppo suggerite dai tanti interlocutori incontrati alla fiera.

 

3. Raccontaci come ti sei preparato per Game Connection Europe 2013

...leggendo il "Manuale del guerriero della Luce" di Paulo Coelho. :)

In realtà abbiamo fatto un grandissimo lavoro di squadra per ottimizzare le versioni dei giochi da mostrare, per definire le strategie di mercato da inseguire: ci siamo dati degli obiettivi concreti e misurabili e abbiamo costruito un'agenda di appuntamenti di altissima qualità per ricevere quanto più possibile da questa grande esperienza. Fondamentale è stato mantenere un buon livello di flessibilità che ci ha permesso di confrontarci in modo costruttivo con tutti i partner che abbiamo incontrato e di riuscire a imparare da loro, nonostante i pochi minuti che vengono riservati a ogni incontro.

Per noi è stata la prima volta, prima di prepararci volevamo essere sicuri d

i fare i passi giusti, quindi abbiamo chiesto molti consigli ad aziende più esperte che frequentano queste fiere da tempo. Inutile dire che abbiamo trovato grandissima ispirazione e guida nelle parole dei nostri mentor. Un grazie in particolare a Marco Boldini di Digital Tales che, con grande disponibilità, ci ha guidato in fase preliminare di preparazione all'evento.

 

4. Cosa ti aspetti da questa esperienza?

Da questa esperienza ci aspettiamo un grande salto di qualità: per lo sviluppo e la pubblicazione dei progetti a livello globale, per la rete di contatti e relazioni che abbiamo stabilito, e soprattutto in termini economici. Mi aspetto anche che la comunità di sviluppatori italiani continui a crescere con la determinazione e l'efficacia del gruppo solido e compatto che ho visto a Parigi, sotto la guida di AESVI. Le relazioni più costruttive sono state proprio quelle con gli altri italiani presenti in fiera, non solo perché si fa chiasso e ci si diverte fino a tarda notte, ma perché è una grande opportunità di scambio reciproco e di confronto.

 

5. Progetti futuri

In attesa di concretizzare gli accordi già stabiliti in fiera, stiamo lavorando ai prototipi dei prossimi 2 progetti. Ci piace pensare in grande e Game Connection Europe è stata la conferma che ci stiamo muovendo nel modo giusto. Speriamo di riuscire a unirci al gruppo che a marzo 2014 sarà presente alla Game Connection di San Francisco. Nel frattempo continuiamo la nostra grande missione di innovazione e crescita sul territorio siciliano. Prossime tappe: lo Svilupparty promosso da Ivan Venturi di TiconBlu, sabato 14 dicembre a Catania; la tappa catanese di Global Game Jam, 24-26 gennaio 2014. Vi aspettiamo numerosi!

 

 

 

 

 

 

 

1. Presentati e presenta il tuo team

Imagimotion è un'azienda basata a Roma che si occupa di sviluppo videogiochi dal 2000. Abbiamo sviluppato giochi per praticamente ogni piattaforma, prevalentemente conto terzi. Tuttavia negli ultimi anni ha iniziato un percorso per lo sviluppo di giochi in maniera indipendente.

 

2. Parlaci del tuo titolo di punta
In collaborazione con TiconBlu abbiamo rilasciato il primo atto dell'adventure Nicolas Eymerich, Inquisitore - La peste, del quale sarà rilasciato nei prossimi mesi il nuovo atto.
Inoltre per l'inizio del 2014 è previsto il rilascio di uno strategico a turni, di ambientazione sci-fi, che sarà presto annunciato. E' un classico 4X piuttosto conosciuto che è stato rinnovato e portato su dispositivi mobili. Al momento opportuno non mancheremo di farvi avere maggiori dettagli! ;)

 

3. Raccontaci brevemente la tua esperienza alla Game Connetion America 2013
E' stato senz'altro estremamente positivo vedere ancora una volta tutti gli sviluppatori italiani riuniti in un contesto internazionale darsi da fare al meglio per far sapere al mondo che anche l'Italia c'è.

 

4. Cosa ti aspetti da questa nuova esperienza a Game Connection Europe 2013? Cambiamenti in meglio, novità, risultati?
Alla terza edizione del GC a cui partecipiamo abbiamo capito quanto sia importante non solo partecipare, ma partecipare anche con una certa regolarità. E' infatti molto frequente incontrare persone viste in precedenza e questo crea una certa continuità nei contatti che si prendono durante questo tipo di fiera. Farsi vedere, far vedere i propri progressi e farsi conoscere contribuisce a creare quella reputazione di cui le aziende nostrane hanno bisogno. Per un potenziale publisher o producer, vedere ogni anno che l'azienda va avanti e lavora aiuta moltissimo a dare un immagine di solidità e affidabilità, cosa tenuta in gran conto da moltissime delle persone che si incontrano.
A differenza delle edizioni precedenti, inoltre, abbiamo notato una rinnovato interesse per i giochi PC (mentre nelle precedenti era quasi tutto monopolizzato dal mobile) e soprattutto una certa apertura alle co-produ

zioni, mentre prima tutto il rischio d'impresa era spostato sul developer.

 

5. Che cosa consiglieresti a un team che si appresta a partecipare per la prima volta?
Avete 30 minuti, non perdetevi in chiacchiere e cercate di mostrare il vostro prodotto al meglio, soprattutto non date per scontato che la persona che vi troverete davanti conosca tutto lo scibile umano sui videogiochi, quindi cercate di spiegare al meglio il vostro gioco senza fare troppi riferimenti a titoli o stili pre-esitenti.

 

 

  

 

 

 



Campagne crowfunding

Just One Line
Siamo presenti su

     
Copyright ©2016 - Manifesto - Privacy - Termini di Servizio - Community - Collaboratori - Contattaci